Indennità per le persone assimilabili a un datore di lavoro

Quali condizioni devono essere adempiute?

Ha diritto all’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus se è impiegato/a nella Sua impresa, vi esercita una funzione dirigenziale e subisce una perdita salariale in seguito alla chiusura di strutture o al divieto di svolgere manifestazioni, a prescindere dal fatto che il provvedimento in questione sia stato deciso dalle autorità cantonali o da quelle federali. Questo vale anche per il Suo coniuge o partner registrato che lavora nell’azienda.

In assenza di chiusura completa o di divieto di svolgere manifestazioni, ha comunque diritto all’indennità se subisce una perdita salariale e la Sua impresa registra una diminuzione considerevole della cifra d’affari a causa dei provvedimenti adottati per far fronte all’epidemia di COVID-19. È il caso se, nel mese da indennizzare, la Sua cifra d’affari è diminuita almeno del 55 per cento (per i diritti fino al 18 dicembre 2020) o al 40 per cento (per i diritti dal 19 dicembre 2020) rispetto alla cifra d’affari mensile media realizzata negli anni 2015–2019 o durante il periodo di attività effettivo. Inoltre, deve aver versato contributi all’AVS su un reddito conseguito con l’attività in questione pari ad almeno 10 000 franchi nel 2019.

 

Regolamentazione transitoria per il mese di dicembre 2020 (riduzione del limite della diminuzione della cifra d’affari dal 55 % al 40 % dal 19.12.2020):

  • Se in tutto il mese di dicembre ha registrato una diminuzione della cifra d’affari pari almeno al 40 per cento ma inferiore al 55 per cento, ha diritto all’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus a partire dal 19 dicembre 2020, se sono adempiute tutte le altre condizioni di diritto.
  • Se in tutto il mese di dicembre ha registrato una diminuzione della cifra d’affari pari almeno al 55 per cento, ha diritto all’indennità per l’intero mese, se sono adempiute tutte le altre condizioni di diritto.

 

Cosa s’intende per «diminuzione considerevole della cifra d’affari» determinante per il diritto all’indennità?

L’attività lucrativa è considerata aver subìto una limitazione considerevole, se nel mese per il quale si richiede l’indennità si è registrata una diminuzione della cifra d’affari pari almeno al 55 per cento (per i diritti fino al 18 dicembre 2020) o al 40 per cento (per per i diritti dal 19 dicembre 2020) rispetto alla cifra d’affari media degli anni 2015–2019 o durante il periodo di attività effettivo. Va sempre considerata la cifra d’affari dell’intero mese civile. Il diritto può essere esercitato con effetto retroattivo per un mese intero o più mesi, purché la condizione sia adempiuta per ciascun mese. Incombe alla persona che esercita il diritto fare i calcoli necessari per ottenere la cifra d’affari mensile media da indicare nel modulo di richiesta.